“Adamo si nasconde per non dover rendere conto, per sfuggire alla responsabilità della propria vita (di Martin Buber).

“Adamo si nasconde per non dover rendere conto, per sfuggire alla responsabilità della propria vita. Così si nasconde ogni uomo, perché ogni uomo è Adamo e nella situazione di Adamo. Per sfuggire alla responsabilità della vita che si è vissuta, l’esistenza viene trasformata in un congegno di nascondimento. Proprio nascondendosi così e persistendo sempre in […]

Continua a leggere..

Via al cammino sinodale, si parte dal popolo delle parrocchie e dalle diocesi

Durerà cinque anni il percorso nazionale che avrà come orizzonte il Giubileo del 2025. In agenda annuncio, famiglia, giovani, impegno sociale. La rivoluzione della Cei: basta input dall’alto Il nome ufficiale è «Carta d’intenti». E rappresenta la prima roadmap del cammino sinodale della Chiesa italiana sollecitato da papa Francesco. Un percorso che è cominciato in modo formale […]

Continua a leggere..

Messa in Latino. Ecco le nuove regole dettate da Papa Francesco. Con un Motu proprio il Pontefice stabilisce che siano i vescovi gli unici ad autorizzare le Messe con l Messale del 1962. Tuttavia non in chiese parrocchiali.

Il Papa ha stabilito nuove e più stringenti regole per le Messe celebrate con il Messale del 1962. E’ stato pubblicato oggi, venerdì 16 luglio il Motu proprio “Traditionis custodes”, che aggiorna le norme a suo tempo stabilite da Benedetto XVI. Tra le principali novità il ruolo esclusivo del vescovo nell’autorizzare l’uso del Messale precedente […]

Continua a leggere..

A tutti i vescovi del mondo. Il testo della lettera inviata dal Pontefice ai vescovi di tutto il mondo per accompagnare il testo del motu proprio «Traditionis custodes».

Cari Fratelli nell’Episcopato, come già il mio Predecessore Benedetto XVI fece con Summorum Pontificum, anch’io intendo accompagnare il Motu proprio Traditionis custodes con una lettera, per illustrare i motivi che mi hanno spinto a questa decisione. Mi rivolgo a Voi con fiducia e parresia, in nome di quella condivisione nella «sollecitudine per tutta la Chiesa, che sommamente […]

Continua a leggere..